RADDOPPIO RAGUSA-CATANIA, LE PAROLE DI DELRIO ULTERIORE GARANZIA PER LA REALIZZAZIONE DELL’OPERA

rg-ct

Quanto dichiarato nei giorni scorsi dal Ministro Graziano Delrio, nel corso della Festa dell’Unità nel capoluogo etneo, in merito al definitivo sblocco dell’iter per il raddoppio della Ragusa-Catania, è l’ulteriore dimostrazione del fatto che il Governo nazionale sta mantenendo la parola data.
Un impegno costante ribadito in ogni occasione fin da quando, nei primi mesi del 2015, qualcuno gridò allarmato che l’opera era stata tolta dal DEF. Così non era: lo assicurò il sottosegretario Faraone che, a sua volta, si pose come interlocutore con il dicastero alle Infrastrutture e, negli incontri che sono seguiti con il Ministro Delrio – sia a Roma che nelle visite in Sicilia come quella a Catania l’11 aprile 2015 – è stata riaffermata sempre l’attenzione che lo Stato, dal Ministero delle Finanze a quello per le Infrastrutture, stava dedicando all’opera. Continua a leggere

REGISTRATO ALLA CORTE DEI CONTI IL DECRETO INTERMINISTERIALE PER LA RAGUSA-CATANIA

RG.CT

Il sottosegretario Davide Faraone ha ricevuto notizia dal Ministro alle Infrastrutture Graziano Del Rio che la Corte di Conti ha proceduto alla registrazione del decreto interministeriale relativo al progetto di raddoppio della S.S. 514 Ragusa-Catania.
L’interlocuzione tra i membri del Governo nazionale, riferita ai parlamentari regionali del Partito Democratico, certifica l’autenticità della notizia e infonde fiducia per le fasi esecutive successive che non dovrebbero più subire arresti di sorta dopo il passaggio dall’organo contabile dello Stato.
L’atto della registrazione del decreto interministeriale rappresenta quindi la svolta decisiva per arrivare, entro la fine di ottobre, all’attesa conferenza di servizio che, a sua volta, servirà da ulteriore scadenza per far comprendere che la realizzazione dell’opera è sempre più vicina.
Infrastruttura importantissima perché, nel quadro più vasto della viabilità regionale, sarà decisiva sia dal punto di vista della futura fruizione sia per il livello tecnico necessario, considerando che sono previsi 19 viadotti, 8 gallerie e 11 svincoli a piani sfalsati.

Ragusa, 2 luglio 2016

On. Nello Dipasquale

RECUPERATO IL FINANZIAMENTO PER IL RESTAURO DELL’ORGANO DI SAN GIORGIO

ORGANO

Il servizio Economia della Segreteria generale della Presidenza Regione Siciliana ha comunicato alla Soprintendenza ai Beni Culturali di Ragusa che il finanziamento per il restauro dell’Organum maximum del Duomo di San Giorgio a Ibla, che si è rischiato di perdere,  è stato recuperato: sarà necessario solamente l’avvio di altro procedimento per poter adeguare gli atti al nuovo Codice degli Appalti.

“Ad aprile era scoppiato il caso della scomparsa di queste somme – dichiara il deputato regionale del Partito Democratico, on. Nello Dipasquale – circa 120mila euro per l’organo realizzato dalla Regia Fabbrica Serassi di Bergamo nel 1882. Un’opera di una bellezza straordinaria che, però, necessita di un intervento di restauro. A fermare l’iter Continua a leggere

CARRUBI E ULIVI NEGLI SPAZI ANTISTANTI L’OSPEDALE GIOVANNI PAOLO II

targaMr GiuffrèMr Giuffrè 2

Si procede a passi piccoli, ma concreti, verso la definizione  della struttura pubblica di eccellenza per tutta la comunità iblea: l’ospedale GIOVANNI PAOLO II.

Oggi i vertici dell’Asp 7 e i tecnici dell’azienda hanno illustrato alla stampa, alla presenza dell’On. Nello Dipasquale e di Mr.Carmelo Giuffrè, i lavori di sistemazione del verde antistante il nuovo ospedale, lavori che si sono potuti realizzare grazie alla generosità di Mr Giuffrè. Alla fine della visita è stata posta una targa, quale riconoscimento dell’azienda e della comunità iblea tutta a un uomo che ama profondamente questa provincia e cui si deve grande riconoscenza.

IL PERSONALE EX LSU SARÀ INSERITO NELLE STRUTTURE SANITARIE IBLEE.

precari

Via libera dalla Regione alla stabilizzazione del personale contrattista ex Lsu anche per la provincia di Ragusa. A darne notizia è il deputato regionale del Pd, Nello Dipaquale dopo essersi confrontato con l’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi. Dopo quanto era stato detto insieme alle organizzazioni sindacali e seguendo le linee direttive della programmazione regionale sanitaria, così come era stato annunciato, anche l’Asp 7 di Ragusa è stata autorizzata ad attingere dalle apposite graduatorie per immettere Continua a leggere

IMPIANTO RIFIUTI A SCICLI: VERSO LA REVOCA DELL’AUTORIZZAZIONE

REVOCAREVOCA 2REVOCA 3

Impianto di gestione rifiuti pericolosi e non di contrada Cuturi a Scicli, si va verso la revoca dell’autorizzazione.

L’assessorato Territorio ed Ambiente della Regione Siciliana, con nota prot. 41420 del 17 giugno 2016, ha comunicato alla ditta A.Ci.F. Servizi S.r.l., ai sensi dell’art. 8 della legge regionale n. 10 del 30 aprile 1991, l’avvio del procedimento di secondo grado ai sensi dell’art. 13 del D.lgs. 152/2006, nonché dell’art. 21 quinqies della L. 241/90, per la revoca del provvedimento rilasciato con D.A. n. 59/GAB del 04.05.2015. In termini meno tecnici, la A.Ci.F. è stata informata che la Regione sta procedendo alla revoca dell’autorizzazione per la realizzazione dell’ampliamento dell’impianto di gestione di rifiuti pericolosi e non in contrada Cuturi a Scicli, che tanto allarme aveva scatenato tra la cittadinanza sciclitana e non solo.
Lo comunica il deputato regionale del Partito Democratico, on. Nello Dipasquale che aggiunge: “Come annunciato in precedenza gli uffici stanno predisponendo tutti gli atti necessari per arrivare alla revoca dell’autorizzazione in modo che questa sia inoppugnabile rispetto ad eventuali ricorsi al Tribunale Amministrativo Regionale”.
“Avevo detto che erano necessari dei tempi tecnici e – conclude – devo riconoscere che, invece, gli uffici si sono mossi piuttosto rapidamente rispetto ad un tema che tanto clamore aveva sollevato e che interessa sia la salute dei cittadini che il futuro turistico e ambientale di quel territorio”.

Palermo, 29 giugno 2016

On. Nello Dipasquale

FINANZIATI INTERVENTI DI RECUPERO PER MILIONI DI EURO NELLA PROVINCIA DI RAGUSA

chiesa

L’Assessorato regionale alle Infrastrutture ha pubblicato il Decreto del Dirigente generale (n. 1254 del 31 maggio 2016) contenente la graduatoria di finanziamento le istanze ammissibili e non ammissibili relative al bando pubblico per interventi di recupero finalizzati al miglioramento della qualità della vita e dei servizi pubblici urbani, nei comuni della Regione Siciliana.
Molti sono i progetti che riguarderanno la provincia di Ragusa. Il comune di Giarratana, andranno oltre 2 milioni di euro per un totale di tre progetti che riguardano la ristrutturazione dell’edificio delle suore francescane dell’Immacolata Concezione (710mila €), il risanamento della chiesa di San Bartolomeo (800mila €), la riqualificazione della caserma dei Carabinieri (560mila €). Poco più di un milione e 30mila euro per il comune di Comiso, su due progetti, il restauro conservativo della cupola della chiesa Maria SS. Annunziata e il primo stralcio esecutivo della rifunzionalizzazione dei locali del convento. Poco meno di 1milione e 600mila euro andranno a Scicli, metà per il consolidamento e il restauro della chiesa di Santa Maria del Gesù e l’altra metà per manutenere l’edificio Francesco Mormino Penna. Al comune di Ragusa Continua a leggere