CROCETTA: GLI EX PIP VADANO SUBITO AL LAVORO

Crocetta-2-300x200

 

PALERMO. «O gli ex Pip andranno subito al lavoro o li licenzierò». Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, tuona, dopo aver appreso che da fine giugno gli oltre 3 mila precari storici di Palermo hanno iniziato a percepire quasi tutti il sussidio dell’Inps che ammonta a circa 600 euro al mese variabili in base a età e carico familiare. Nessuno di loro, però, a oggi è tornato al lavoro. Il presidente si è infuriato anche perché, quando erano pronte le pratiche per immettere in servizio i primi 400, i sindacati hanno chiesto espressamente di congelarle per utilizzare tutti i precari contemporaneamente «in modo da evitare disparità». I tempi si sono così allungati e nel frattempo, da fine giugno, i lavoratori hanno iniziato a percepire l’indennità restando a casa. I precari che fanno parte del bacino nato alla fine degli anni ’90 nel Comune di Palermo e utilizzato in uffici pubblici, assessorati, ospedali, con un costo di 36 milioni di euro l’anno. Crocetta annuncia che farà luce sul loro inserimento lavorativo. «Sono pronto a denunciare tutto alla Corte dei Conti. Ma che significa che devono andare al lavoro tutti insieme? È diventato forse un passatempo? Che logica é? Sono indignato, è una vergogna, bene ha fatto la stampa (la notizia è stata riportata in esclusiva ieri dal Giornale di Sicilia, ndr) a sollevare il caso, io stesso chiederò gli elenchi dei lavoratori e chi non accetterà di tornare al lavoro sarà cancellato dal bacino». Attualmente sarebbero 2.900 quelli che hanno cominciato a percepire l’indennità di disoccupazione. Secondo il presidente, il ritorno al lavoro dei precari dovrà avvenire di pari passo con il completamento delle pratiche da parte dell’istituto di previdenza.

                                                                      leggi l’articolo dal Giornale di Sicilia

IL REGOLAMENTO PER I CANTIERI DI LAVORO

Palazzo d'Orleans

PALERMO – Cinquanta milioni per rilanciare l’occupazione. E per aprire cantieri di servizio della durata non superiore a sei mesi. L’atteso regolamento che dovrebbe dare una boccata d’ossigeno a migliaia di siciliani ha visto la luce sulla Gazzetta ufficiale, dove vengono chiariti tutti i requisiti fondamentali richiesti alle amministrazioni locali e ai destinatari del provvedimento.

Le novità, rispetto a quanto anticipato i giorni scorsi, sono poche. Viene chiarita la soglia economica entro la quale può essere ammessa la domanda di partecipazione ai cantieri: “Possono essere ammessi nei programmi di lavoro i soggetti in possesso di reddito comunque percepito e da chiunque erogato, non superiore ad € 442,30, corrispondente all’assegno sociale anno 2013. Nessun reddito è escluso dal computo. In presenza di un nucleo familiare composto da due o più persone tale soglia di reddito è determinata sulla base della scala di equivalenza”.

A fare da discriminante nelle graduatorie che verranno stilate, comune per comune, sarà l’eventuale presenza nel nucleo familiare di soggetti sensibili: “A parità di reddito, il reddito minimo di inserimento è destinato prioritariamente alle persone che hanno a carico figli minori in situazione di difficoltà ed esposte al rischio della marginalità sociale o figli e/o altri familiari con handicap in situazione di gravità”.

                                                                         leggi l’articolo da LiveSicilia

CANTIERI DI LAVORO. DIPASQUALE: “E’ UN’OPPORTUNITA’ DA NON PERDERE”

nello 10

“I Comuni si attivino prima possibile per presentare validi progetti per migliorare le città e offrire un temporaneo impiego agli addetti.” E’ la sollecitazione del deputato regionale Nello Dipasquale alla luce delle ultime positive disposizioni regionali sui cantieri di lavoro che potranno ripartire. Da sindaco di Ragusa, Dipasquale aveva sollecitato il rifinanziamento. Richiesta reiterata da deputato anche attraverso un’interrogazione parlamentare dello scorso 5 marzo, con cui si sollecitava il Governo ad attivarsi per un provvedimento di finanziamento che adesso si è concretizzato. “Comprendo benissimo – afferma Dipasquale – che i cantieri di lavoro non costituiscono la soluzione dei problemi del settore dell’edilizia prospettati anche di recente dall’Ance, ma sicuramente,senza ombra di dubbio, rappresentano per tante famiglie una boccata d’ossigeno, l’occasione, pur se limitata nel tempo, per lenire la fame di lavoro che oggi c’è e per affrontare proficuamente alcune necessità di opere pubbliche di dimensioni medio piccole dei Comuni siciliani, che diversamente non potrebbero trovare risposta”. Il parlamentare lancia poi l’appello ai sindaci: “Abbiamo spinto il più possibile al rifinanziamento e la Giunta regionale del presidente Crocetta si è mostrata disponibile e attenta a questa esigenza. Adesso i sindaci lavorino per esprimere il maggior numero di progetti utili per la città e che siano in grado di impiegare quante più persone possibili in base alle esigenze dei lavori che saranno messi in campo”.

L’ON. DIPASQUALE INCONTRA I PESCATORI DI SCOGLITTI

Incontro pescatori Scoglitti 19-8-13

Nel pomeriggio di lunedì 19 agosto l’On. Nello Dipasquale ha incontrato i pescatori di Scoglitti nei locali dell’associazione dei Pescatori “San Francesco”, per discutere delle problematiche generali inerenti la pesca e per affrontare la specifica vicenda accaduta lo scorso primo agosto al comandante della Madonnina, Salvatore Penna. Il deputato ibleo è componente della III Commissione alle Attività agricole e Produttive e alla Pesca.

scoglitti1-e1377007290854

L’incontro è stato introdotto dal Presidente di Territorio, Avv. Giovanni Lombardo,  consigliere comunale di Vittoria,  che ha ringraziato  gli intervenuti, in particolare Gianni Penna, che ha contributo a riunire la delegazione di pescatori, e i movimenti  politici Patto per Vittoria, Sorgi Vittoria e Azione Democratica. Giovanni Lombardo si è soffermato sui fatti allarmanti accaduti al comandante della Madonnina, Salvatore Penna. “Siamo qui per raccogliere le istanze di cui l’On. Dipasquale si farà sicuramente portavoce,  per trovare soluzione alle complesse problematiche inerenti la pesca”. Continua a leggere

Crocetta: «Ho salvato la Sicilia dal default ma non smettono di attaccarmi»

 

crocetta 5

Riportiamo l’intervista che il Presidente Crocetta ha rilasciato al quotidiano La Sicilia, pubblicata il 15 Agosto. È un bilancio dei primi nove mesi di governo, che oltre la facile demagogia di chi propone  una mozione di sfiducia, sostenendo che nulla è stato fatto, indica i risultati basilari conseguiti e, soprattutto, l’inversione di tendenza rispetto all’inerzia e agli sperperi precedenti. Invocare la fine prematura di questa legislatura, così come a livello di governo centrale le elezioni politiche anticipate, vuol dire trascurare per i propri presunti interessi di parte un elemento fondamentale: l’instabilità politica è il peggiore dei mali, specialmente per un paese in grave crisi.

Palermo. E’ un bilancio positivo quello che il presidente della Regione, Crocetta, fa dei suoi primi nove mesi di governo. Ma non nasconde neanche l’amarezza per gli attacchi, al limite del dileggio, che quasi quotidianamente gli arrivano da ogni parte politica. Avverte che lui non ha alcuna intenzione di lasciarsi intimorire; che andrà avanti per la sua strada, anche perché ha tanti progetti, grandi e piccoli, da realizzare. L’ultima idea che gli frulla per la testa: un numero verde contro lo stalking. «Ci penserò su in questi pochi giorni di vacanza che mi concedo», dice mentre sta per imbarcarsi per Lampedusa.
Presidente, davvero crede che la Regione abbia cominciato a cambiare marcia rispetto al passato? Continua a leggere

APPROVATO IL DDL SU INELEGGIBILITÁ E INCOMPATIBILITÁ PER DEPUTATI E ASSESSORI

Crocetta-Ars-624x300

Varie Sedute d’Aula, lungo dibattito e toni accesi: alla fine, però, il DDL che sancisce che un Deputato regionale, o un membro della Giunta, non può rivestire cariche di alcun tipo negli enti che ricevono contributi dalla Regione, è stato approvato con 55 voti a favore, su 63 presenti, 3 voti contrari e 5 astenuti.  Con grande probabilità  in altri Paesi del mondo sembrerebbe un’ovvietà tale incompatibilità, ma in Sicilia anche la normalità è una conquista, un passo avanti verso legalità e trasparenza. Un comma specifico esplicita l’incompatibilità con incarichi presso enti di formazione, “per disciplinare questo aspetto- ha sottolineato il Presidente Crocetta – anche in considerazione del rilievo e della questione che hanno assunto nei confronti dell’opinione pubblica nazionale e regionale le vicende che attengono alla formazione”.

Riportiamo uno stralcio dell’intervento del Presidente Crocetta durante la Seduta d’Aula  fra 8 e 9 Agosto, in risposta alle obiezioni di chi criticava fortemente le nuove norme :”La legislazione nazionale stabilisce una serie di cause di incompatibilità ed ineleggibilità ma poi demanda al legislatore regionale la possibilità che intervenga con proprie norme.
Questo nel rispetto delle specificità peculiari che si possono avere in una Regione altrimenti il legislatore nazionale rivendicherebbe solamente a sé la norma e direbbe che questa è quella che si applica.

Non possiamo dire che la nostra Regione non abbia delle peculiarità, se noi ad esempio diciamo che l’80 per cento delle vittime istituzionali della mafia si trova in Sicilia, Continua a leggere

NUOVE NORME PER I CONTRIBUTI AD ENTI E ASSOCIAZIONI

141844274-766ffc3b-78db-4c47-a6f5-ea5295dfab24

Approvate le nuove norme che con criteri oggettivi e di merito, tramite bando pubblico, disciplinano l’accesso ai contributi regionali per enti e associazioni. Una corsia preferenziale è prevista per chi opera negli ambiti della disabilità e del disagio sociale. Per concorrere all’attribuzione dei contributi, come recita la legge approvata ieri dall’ARS, si dovranno presentare:

a) “una relazione dettagliata relativa alla struttura dell’ente, al numero del personale occupato, ai curricula degli operatori e di tutto il personale nonché dei singoli componenti degli organi di amministrazione e un elenco dettagliato delle spese di gestione del triennio precedente;

b) l’elenco di tutte le entrate e finanziamenti a qualsiasi titolo ottenuti dall’ente, specificando dettagliatamente sia nel preventivo che nel consuntivo la finalizzazione del contributo regionale ed, in particolare, gli eventuali altri contributi provenienti da altri enti erogatori. E’, altresì, specificata la denominazione degli altri soggetti erogatori e l’entità degli importi ricevuti;

c) il bilancio degli ultimi tre anni;

d) una relazione analitica dell’attività per la quale è richiesto il finanziamento, che consenta il giudizio analitico della congruità della spesa.” Continua a leggere

Formazione professionale, si cambia

Nelli

Otto settori lavorativi, dalla pesca al turismo, dalle energie rinnovabili all’informatica, per un totale di oltre cento figure richieste dalle imprese siciliane: enologo, marinaio, cuoco, autista di tir, assistente sociale, pasticciere, tutte professioni che oggi, secondo uno studio commissionato dalla Regione, garantiscono sbocchi occupazionali nell’Isola. Su queste filiere si baserà la nuova formazione professionale in Sicilia che scatterà a partire dal giugno del prossimo anno. Il meccanismo che sarà introdotto è semplice: «Fino a ieri – spiega l’assessore Nelli Scilabra – gli enti di formazione professionale stabilivano quali corsi attivare e ottenevano il finanziamento dalla Regione. Da oggi si cambia musica e siamo noi, Regione Siciliana, a stabilire quali siano i corsi da attivare per aiutare realmente i ragazzi a trovar un lavoro». Addio a estetisti, parrucchieri, massaggiatori e ricamatori.

                                                                      leggi l’articolo dal Giornale di Sicilia

Seduta d’Aula del 12 Agosto 2013

Seduta d’Aula del 12 Agosto 2013. Discussione e approvazione delle nuove norme per contributi a enti (ex tabella H). Approvazione delle norme di ineleggibilità e incompatibilità dei Deputati. Numerosi gli interventi del Presidente Crocetta.

Video dalle h 12. Segnaliamo l’intervento in risposta all’attacco di Cancelleri, dopo h 4,43

http://www.ars.sicilia.it/DocumentiEsterni/ResSteno/16/16_2013_08_12_070_S120020.asx

Video dalle 17,42.

http://www.ars.sicilia.it/DocumentiEsterni/ResSteno/16/16_2013_08_12_070_S174212.asx

Seduta d’Aula 8-9 Agosto 2013

Seduta d’Aula 8-9 Agosto 2013. Prosegue la discussione sulle norme di ineleggibilità e incompatibilità dei Deputati.

Video dalle 20,03. Intervento del Presidente Crocetta dopo 7 minuti.

http://www.ars.sicilia.it/DocumentiEsterni/ResSteno/16/16_2013_08_08_068_S200326.asx

Video dalle 00.59

http://www.ars.sicilia.it/DocumentiEsterni/ResSteno/16/16_2013_08_09_068_S005913.asx

Video dalle 1,41

http://www.ars.sicilia.it/DocumentiEsterni/ResSteno/16/16_2013_08_09_069_S014138.asx