IMPIANTO RIFIUTI A SCICLI: VERSO LA REVOCA DELL’AUTORIZZAZIONE

REVOCAREVOCA 2REVOCA 3

Impianto di gestione rifiuti pericolosi e non di contrada Cuturi a Scicli, si va verso la revoca dell’autorizzazione.

L’assessorato Territorio ed Ambiente della Regione Siciliana, con nota prot. 41420 del 17 giugno 2016, ha comunicato alla ditta A.Ci.F. Servizi S.r.l., ai sensi dell’art. 8 della legge regionale n. 10 del 30 aprile 1991, l’avvio del procedimento di secondo grado ai sensi dell’art. 13 del D.lgs. 152/2006, nonché dell’art. 21 quinqies della L. 241/90, per la revoca del provvedimento rilasciato con D.A. n. 59/GAB del 04.05.2015. In termini meno tecnici, la A.Ci.F. è stata informata che la Regione sta procedendo alla revoca dell’autorizzazione per la realizzazione dell’ampliamento dell’impianto di gestione di rifiuti pericolosi e non in contrada Cuturi a Scicli, che tanto allarme aveva scatenato tra la cittadinanza sciclitana e non solo.
Lo comunica il deputato regionale del Partito Democratico, on. Nello Dipasquale che aggiunge: “Come annunciato in precedenza gli uffici stanno predisponendo tutti gli atti necessari per arrivare alla revoca dell’autorizzazione in modo che questa sia inoppugnabile rispetto ad eventuali ricorsi al Tribunale Amministrativo Regionale”.
“Avevo detto che erano necessari dei tempi tecnici e – conclude – devo riconoscere che, invece, gli uffici si sono mossi piuttosto rapidamente rispetto ad un tema che tanto clamore aveva sollevato e che interessa sia la salute dei cittadini che il futuro turistico e ambientale di quel territorio”.

Palermo, 29 giugno 2016

On. Nello Dipasquale

FINANZIATI INTERVENTI DI RECUPERO PER MILIONI DI EURO NELLA PROVINCIA DI RAGUSA

chiesa

L’Assessorato regionale alle Infrastrutture ha pubblicato il Decreto del Dirigente generale (n. 1254 del 31 maggio 2016) contenente la graduatoria di finanziamento le istanze ammissibili e non ammissibili relative al bando pubblico per interventi di recupero finalizzati al miglioramento della qualità della vita e dei servizi pubblici urbani, nei comuni della Regione Siciliana.
Molti sono i progetti che riguarderanno la provincia di Ragusa. Il comune di Giarratana, andranno oltre 2 milioni di euro per un totale di tre progetti che riguardano la ristrutturazione dell’edificio delle suore francescane dell’Immacolata Concezione (710mila €), il risanamento della chiesa di San Bartolomeo (800mila €), la riqualificazione della caserma dei Carabinieri (560mila €). Poco più di un milione e 30mila euro per il comune di Comiso, su due progetti, il restauro conservativo della cupola della chiesa Maria SS. Annunziata e il primo stralcio esecutivo della rifunzionalizzazione dei locali del convento. Poco meno di 1milione e 600mila euro andranno a Scicli, metà per il consolidamento e il restauro della chiesa di Santa Maria del Gesù e l’altra metà per manutenere l’edificio Francesco Mormino Penna. Al comune di Ragusa Continua a leggere