Aeroporto Comiso, on. Dipasquale (PD): “Soddisfazione per la firma della convenzione Soaco-Comumi”

Nello-Dipasquale1-677x521_c

“Con la firma della convenzione tra i Comuni della provincia di Ragusa e la Soaco per interventi di promozione turistica tramite l’aeroporto di Comiso si sblocca anche l’iter necessario per usufruire dell’intervento finanziario regionale. Sono molto soddisfatto perché si tratta di un gettito economico proveniente da Palermo di circa 4milioni e 900mila euro, nato da un emendamento presentato da me in Commissione Bilancio durante la precedente legislatura, poi approvato dall’Aula e inserito in Finanziaria. Un provvedimento che, però, ha subito un momentaneo stop causato dal passaggio al nuovo Governo regionale. Quanto prima, presumibilmente entro il mese di gennaio, arriverà l’ok definitivo per l’utilizzo di queste somme che si aggiungeranno a quelle provenienti dai fondi ex Insicem della ex Provincia (1,6milioni) e dalla super CamCom del Sud-Est per 380mila euro. Questi soldi saranno importantissimi per la Soaco per mettere a bando un piano di incentivazione delle rotte appetibile”. Lo dichiara il Segretario alla Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana, on. Nello Dipasquale.

Ragusa, 30 dicembre 2017

On. Nello Dipasquale

Parlamentare regionale PD

Trasporti. Dipasquale (PD): Bankitalia sottolinea importanza aeroporto Comiso, Governo regionale confermi finanziamenti

FB_IMG_1514476275773

Articolo studio Bankitalia su Aeroporto di Comiso

Aeroporti: Bankitalia studia caso Comiso, benefici all’economia locale

Aeroporti: Bankitalia studia caso Comiso, benefici all’economia locale Balzo turisti; In 2anni gia’ ripagato 1/4 costi riconversione (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

La riconversione dell’aeroporto militare di Comiso in scalo civile, specializzato in collegamenti internazionali, ha portato netti benefici all’economia locale della provincia di Ragusa. Lo dimostra uno studio approfondito della Banca d’Italia che ha verificato un incremento mensile di presenze di turisti internazionali di oltre 5mila unita’, 60mila l’anno, con una spesa aggiuntiva sul territorio di oltre 430mila euro al mese, oltre 5,2 milioni l’anno. Lo studio aggiunge che nei due anni monitorati (2013-2015) i benefici prodotti dallo scalo internazionale hanno gia’ ripagato un quarto dei costi della riconversione (47 milioni) dell’aeroporto. Lo studio, pubblicato nella collana della Banca d’Italia ‘Questioni di Economia e Finanza’ e firmato da Francesco David e Giuseppe Saporito, conclude cosi’ l’analisi: “La presenza di un aeroporto puo’ essere un fattore di sviluppo locale, soprattutto per le aree piu’ distanti e meno collegate ai mercati piu’ dinamici. Il turismo internazionale e’ uno dei settori piu’ esposti ai benefici potenziali dell’apertura di un nuovo scalo”.

Aeroporti: Bankitalia studia caso Comiso, benefici all’economia locale -2-

Aeroporti: Bankitalia studia caso Comiso, benefici all’economia locale -2- Economisti via Nazionale: nel ragusano ‘effetto Montalbano’ (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Roma, 28 dic – Lo studio pubblicato oggi dalla Banca d’Italia quantifica in un +19,1% le presenze mensili addizionali nella provincia di Ragusa grazie al nuovo scalo. Il costo della riconversione di Comiso, pari a 47,4 milioni di euro, e’ stato finanziato prevalentemente tramite i fondi strutturali. Il primo volo di linea e’ stato effettuato il 7 agosto del 2013 e nel 2016 il traffico passeggeri ha raggiunto le 460 mila unita’, con un’incidenza dei passeggeri su voli internazionali pari al 35,9 per cento (27,3 nella media regionale). L’apertura del nuovo scalo e’ stata accolta positivamente dagli operatori economici e dall’opinione pubblica locali, che vedevano nell’aeroporto il mezzo per superare la marginalita’ geografica e sfruttare appieno il potenziale turistico dell’area. L’attrattivita’ della provincia, aggiungono i due economisti della Banca d’Italia e’ cresciuta nel tempo grazie al riconoscimento nel 2002 da parte dell’Unesco del sito delle ‘Citta’ tardo barocche del Val di Noto (sud-est della Sicilia)’, di cui fanno parte Ragusa, Modica e Scicli (importanti comuni della provincia). Il ragusano ha inoltre beneficiato del ritorno di immagine connesso con il successo della serie televisiva ‘Il Commissario Montalbano’ (in onda dal 1999), le cui riprese avvengono prevalentemente nel territorio provinciale e che e’ stata distribuita in Italia e in numerosi paesi, anche al di fuori dall’Europa”.

COMUNICATO

Trasporti. Dipasquale (PD): Bankitalia sottolinea importanza aeroporto Comiso, Governo regionale confermi finanziamenti

“Lo studio pubblicato da BanKitalia conferma come l’aeroporto di Comiso rappresenti il volano fondamentale che ha fatto uscire dall’isolamento e valorizzato presso l’utenza internazionale i fattori attrattivi del territorio ibleo: il mare e le sue coste, i centri storici e il patrimonio storico-artistico, l’enogastronomia e i prodotti tipici legati a un’agricoltura d’eccellenza. Una struttura di tale rilevanza deve restare al centro dell’attenzione del Governo regionale”. Così il deputato segretario all’Ars Nello Dipasquale commenta i dati divulgati dalla Banca d’Italia che ha valutato positivamente l’incidenza dell’opera sul territorio.

“E’ indispensabile non abbassare la guardia – continua il parlamentare PD – offrendo il giusto sostegno economico, così come fatto dal precedente Governo regionale e cercando piuttosto di trovare per il futuro anche ulteriori risorse. Il sostegno all’aeroporto di Comiso deve restare in cima all’agenda di governo – conclude – affinchè grazie al potenziamento della struttura sia possibile ridurre il gap infrastrutturale che ci separa dall’Europa e riuscire a dare quella ricchezza che serve al nostro territorio non solo per rilanciarsi ma anche e soprattutto per competere con gli altri distretti nazionali ed internazionali.

Palermo, 29 dicembre 2017
On.Nello Dipasquale
Parlamentare regionale Pd

Agricoltura, on. Dipasquale (PD): “La provincia iblea attende ristoro per danni maltempo di novembre”

FB_IMG_1513956456034

“Ho appreso dalla stampa che la Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura Edy Bandiera, ha approvato la declaratoria per lo stato di calamità naturale dei danni causati da eccezionale siccità-calura nelle province di Caltanissetta, Agrigento, Siracusa, Trapani e Catania, con riferimento ai mesi di luglio e agosto scorsi. Bene, anzi, benissimo. Tuttavia, ho l’impressione che l’assessore Bandiera abbia dimenticato la promessa fatta lo scorso 4 dicembre, a Vittoria, davanti a decine di agricoltori della fascia trasformata che attendono che il Governo regionale dichiari lo stato di calamità per i danni causati dal nubifragio del 10 novembre 2017. Erano giorni di vuoto istituzionale, con le elezioni appena celebrate e il passaggio delle consegne da Crocetta a Musumeci si stava consumando proprio in quelle ore. Dopo quasi un mese, il 4 dicembre appunto, Edy Bandiera ha incontrato gli agricoltori a Vittoria in uno dei suoi primi incontri pubblici e ai presenti ha assicurato un impegno tempestivo da parte del Governo regionale. Ora bisognerà comprendere cosa intendesse esattamente per “tempestivo” l’assessore all’agricoltura. Gli operatori del settore agricolo della provincia di Ragusa, intanto, attendono”. Lo dichiara il parlamentare regionale del Partito Democratico, on. Nello Dipasquale.

Ragusa, 22 dicembre 2017

On. Nello Dipasquale
Parlamentare regionale PD

Arriva la firma da parte del Governo nazione per la convenzione riguardante la realizzazione della metropolitana di superficie di Ragusa, per 18milioni di euro

1

“Arriva la firma da parte del Governo nazione per la convenzione riguardante la realizzazione della metropolitana di superficie di Ragusa, per 18milioni di euro”. A darne notizia l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico che aggiunge: “Si tratta del risultato di un impegno che su esplicita richiesta del sottoscritto aveva assunto il segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi, quando da premier, fece questa promessa dal palco del Teatro Tenda di Ragusa durante la campagna per il Referendum costituzionale. Un impegno mantenuto e questo finanziamento si aggiunge a quello per la realizzazione dell’autostrada Ragusa-Catania: due interventi concreti e seri da parte del Governo a guida Partito Democratico nei confronti del nostro territorio”.
“Mi preme sottolineare che se è stato possibile tutto questo – conclude – è perché durante il mio mandato da sindaco di Ragusa avevamo previsto l’opera promossa dall’on. Giorgio Chessari, inserendola nel Piano Particolareggiato della città”.

Giovedì 7 Dicembre alle ore 12 Matteo Renzi sarà a Ragusa

24296853_1511890988917725_5726850714964492335_nAncora una volta la dimostrazione che Ragusa non é marginale per il segretario del Pd,e per il governo in generale. Il finanziamento della Ragusa-Catania, della metropolitana di superficie, e della Siracusa-Gela lo dimostrano ampiamente. Giovedì sarà a Ragusa per un incontro con la squadra della Passalacqua BASKET. 
Per chi ci vuole essere Giovedì 7 Dicembre ore 12 presso PALAMINARDI RAGUSA

Dipasquale a Musumeci: “Meno slogan, più concretezza. I miliardi di deficit sono 8 e non 5″

24232437_1509384829168341_8999044251283015156_nLe dichiarazioni rilasciate alla stampa da parte del Presidente Musumeci in merito alla situazione finanziaria della Regione Siciliana sorprendono e non poco: sembra voglia dare l’impressione di non essere stato presente per cinque anni al Parlamento regionale e di essersi trovato tra le mani una situazione imprevista di cui non poteva essere a conoscenza. Un atteggiamento che ci aspetteremo da un neo eletto e non da uno dei principali protagonisti dell’opposizione a Crocetta. Al quale invece, Musumeci, attribuisce la colpa di 5miliardi di deficit che avrebbe trovato con stupore, omettendo di dire, però, che i miliardi di deficit a dire il vero non sono 5 ma sono 8, riconducibili ai governi precedenti dell’esperienza crocettiana. Semmai, durante l’ultima legislatura abbiamo avuto il merito di tramutare circa 2 miliardi di debiti a breve termine a lungo termine, consentendo di risparmiare oltre 20 milioni l’anno di interessi, oltre a ridurre sensibilmente il contenzioso con i fornitori e soprattutto a dare liquidità alle imprese. In merito alla dichiarazione secondo la quale tutte le partecipate della Regione sono in deficit, solo una lo è e si tratta di Riscossione Sicilia, e per questo caso specifico sarà necessario il confronto con il Governo nazionale. Per il resto, è importante ricordare che le aziende di rating hanno giudicato ‘basso e sotto controllo’ l’indebitamento siciliano. Nessun rischio default quindi.
Però Musumeci mette le mani avanti e ci fa sapere, tramite la stampa, che per i primi anni, forse, non potrà fare quello che ha promesso in campagna elettorale proprio a causa di questa scoperta sorprendente che ha fatto appena insediato. Abbiamo l’impressione che Musumeci si stia dedicando un po’ troppo agli slogan e alla propaganda, neanche si trovasse in piena campagna elettorale. Dell’indebitamento avrebbe dovuto parlare di più e meglio prima delle elezioni, in modo da poter fare meno promesse ed essere più concreto.
Adesso chiede un confronto con Roma, dimenticando che il suo primo interlocutore deve essere il Parlamento siciliano e non il Governo Nazionale. Anzi, se proprio vorrà discutere con Roma, dopo aver fatto sintesi con tutti i parlamentari regionali, dovrebbe tenere in conto che la sua opposizione è al Governo nazionale e, da questo punto di vista, se necessario, non mancheremo di dare il nostro supporto. Anzi, colgo l’occasione per ricordare il grande contributo che il Governo Nazionale ha dato in questi anni alla Sicilia, cosa che i governatori di centrodestra prima di Crocetta non credo potessero vantare, neanche ai tempi del 61 a 0. Ma su tutto questo avremo modo di discutere a Sala d’Ercole in un confronto con l’intera Assemblea Regionale Siciliana che reputo prioritario.
Dunque il suggerimento che, in conclusione, mi sento di poter offrire al Presidente è questo: meno slogan e più concretezza.

On.Nello Dipasquale 
Parlamentare regionale Pd