Trasporti. Dipasquale (PD): Bankitalia sottolinea importanza aeroporto Comiso, Governo regionale confermi finanziamenti

FB_IMG_1514476275773

Articolo studio Bankitalia su Aeroporto di Comiso

Aeroporti: Bankitalia studia caso Comiso, benefici all’economia locale

Aeroporti: Bankitalia studia caso Comiso, benefici all’economia locale Balzo turisti; In 2anni gia’ ripagato 1/4 costi riconversione (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

La riconversione dell’aeroporto militare di Comiso in scalo civile, specializzato in collegamenti internazionali, ha portato netti benefici all’economia locale della provincia di Ragusa. Lo dimostra uno studio approfondito della Banca d’Italia che ha verificato un incremento mensile di presenze di turisti internazionali di oltre 5mila unita’, 60mila l’anno, con una spesa aggiuntiva sul territorio di oltre 430mila euro al mese, oltre 5,2 milioni l’anno. Lo studio aggiunge che nei due anni monitorati (2013-2015) i benefici prodotti dallo scalo internazionale hanno gia’ ripagato un quarto dei costi della riconversione (47 milioni) dell’aeroporto. Lo studio, pubblicato nella collana della Banca d’Italia ‘Questioni di Economia e Finanza’ e firmato da Francesco David e Giuseppe Saporito, conclude cosi’ l’analisi: “La presenza di un aeroporto puo’ essere un fattore di sviluppo locale, soprattutto per le aree piu’ distanti e meno collegate ai mercati piu’ dinamici. Il turismo internazionale e’ uno dei settori piu’ esposti ai benefici potenziali dell’apertura di un nuovo scalo”.

Aeroporti: Bankitalia studia caso Comiso, benefici all’economia locale -2-

Aeroporti: Bankitalia studia caso Comiso, benefici all’economia locale -2- Economisti via Nazionale: nel ragusano ‘effetto Montalbano’ (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Roma, 28 dic – Lo studio pubblicato oggi dalla Banca d’Italia quantifica in un +19,1% le presenze mensili addizionali nella provincia di Ragusa grazie al nuovo scalo. Il costo della riconversione di Comiso, pari a 47,4 milioni di euro, e’ stato finanziato prevalentemente tramite i fondi strutturali. Il primo volo di linea e’ stato effettuato il 7 agosto del 2013 e nel 2016 il traffico passeggeri ha raggiunto le 460 mila unita’, con un’incidenza dei passeggeri su voli internazionali pari al 35,9 per cento (27,3 nella media regionale). L’apertura del nuovo scalo e’ stata accolta positivamente dagli operatori economici e dall’opinione pubblica locali, che vedevano nell’aeroporto il mezzo per superare la marginalita’ geografica e sfruttare appieno il potenziale turistico dell’area. L’attrattivita’ della provincia, aggiungono i due economisti della Banca d’Italia e’ cresciuta nel tempo grazie al riconoscimento nel 2002 da parte dell’Unesco del sito delle ‘Citta’ tardo barocche del Val di Noto (sud-est della Sicilia)’, di cui fanno parte Ragusa, Modica e Scicli (importanti comuni della provincia). Il ragusano ha inoltre beneficiato del ritorno di immagine connesso con il successo della serie televisiva ‘Il Commissario Montalbano’ (in onda dal 1999), le cui riprese avvengono prevalentemente nel territorio provinciale e che e’ stata distribuita in Italia e in numerosi paesi, anche al di fuori dall’Europa”.

COMUNICATO

Trasporti. Dipasquale (PD): Bankitalia sottolinea importanza aeroporto Comiso, Governo regionale confermi finanziamenti

“Lo studio pubblicato da BanKitalia conferma come l’aeroporto di Comiso rappresenti il volano fondamentale che ha fatto uscire dall’isolamento e valorizzato presso l’utenza internazionale i fattori attrattivi del territorio ibleo: il mare e le sue coste, i centri storici e il patrimonio storico-artistico, l’enogastronomia e i prodotti tipici legati a un’agricoltura d’eccellenza. Una struttura di tale rilevanza deve restare al centro dell’attenzione del Governo regionale”. Così il deputato segretario all’Ars Nello Dipasquale commenta i dati divulgati dalla Banca d’Italia che ha valutato positivamente l’incidenza dell’opera sul territorio.

“E’ indispensabile non abbassare la guardia – continua il parlamentare PD – offrendo il giusto sostegno economico, così come fatto dal precedente Governo regionale e cercando piuttosto di trovare per il futuro anche ulteriori risorse. Il sostegno all’aeroporto di Comiso deve restare in cima all’agenda di governo – conclude – affinchè grazie al potenziamento della struttura sia possibile ridurre il gap infrastrutturale che ci separa dall’Europa e riuscire a dare quella ricchezza che serve al nostro territorio non solo per rilanciarsi ma anche e soprattutto per competere con gli altri distretti nazionali ed internazionali.

Palermo, 29 dicembre 2017
On.Nello Dipasquale
Parlamentare regionale Pd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *