800mila euro per la chiesa di San Bartolomento a Giarratana, Dipasquale (PD): “Frutto del nostro lavoro col Governo precedente”.

Metropolitana di superficie, on. Dipasquale: “Con il decreto milleproroghe spariti i 18 milioni di euro”
settembre 5, 2018
Emesso decreto di finanziamento dipendenti in esubero. On. Dipasquale: “Ne beneficerà il Comune di Ispica”.
settembre 8, 2018

Si è finalmente arrivati alla fase conclusiva del decreto regionale che riguarda il finanziamento per 800mila euro riguardante dei lavori di recupero alla chiesa di San Bartolomeo a Giarratana. Un finanziamento che è frutto del mio lavoro durante il Governo Crocetta”. Lo dichiara l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del PD e segretario alla Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana.

“E’ la dimostrazione del fatto che quando si opera seguendo il giusto iter e con la massima attenzione i risultati non tardano ad arrivare – commenta il parlamentare dem – come è successo nella scorsa legislatura anche, per esempio, per la Caserma dei Carabinieri di Giarratana. Ho già sentito il sindaco Giaquinta che mi ha assicurato che l’iter per la predisposizione della gara d’appalto sarà rapidissimo dato che il progetto esecutivo è già pronto”.
“Una riflessione, però – aggiunge – va fatta su un altro aspetto della vicenda: l’attuale Governo comincia a far arrivare qualche finanziamento in provincia di Ragusa, ma mi auguro che non ci si limiti a quanto è stato fatto nella precedente legislatura. Per adesso e per fortuna vediamo la conclusione dei percorsi che noi abbiamo avviato in passato, ma la provincia di Ragusa ha bisogno di risorse nuove. Spero che il Governo Musumeci e il Governo nazionale inizino a far arrivare nuovi finanziamenti. Penso per esempio agli interventi per i centri storici, oppure ancora, alle nuove risorse che servono a finanziati gli altri lotti della Siracusa-Gela”.
“Dai Governi di Palermo e Roma – conclude – attendiamo qualche segnale positivo in termini di ricadute economiche per il nostro territorio e che sia frutto del loro lavoro, non solo di quello altrui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *