Nuova proroga per i dirigenti regionali, on. Dipasquale (PD): “Adesso basta, Musumeci prepari i concorsi per rinnovare le posizioni dirigenziali della Regione”

Coronavirus, on. Dipasquale (PD): “Musumeci dia il via libera al servizio a domicilio nei giorni festivi per le attività di ristorazione”
aprile 18, 2020
Coronavirus, on. Dipasquale (PD): “Nuova ordinanza atto dovuto, ma Musumeci sembra cercare ringraziamenti”
aprile 18, 2020

“Apprendiamo che la Giunta della Regione Siciliana, dimostrando ancora una volta una strabiliante capacità di programmazione, ha emesso un provvedimento con il quale vengono prorogati fino al 31 maggio 2020 i dirigenti generali, scaduti a metà febbraio e da allora prorogati di mese in mese. Si prepara forse qualche operazione collettiva per sanare ciò che non si può sanare?”.

Lo segnala l’on. Nello Dipasquale, deputato regionale del Partito Democratico.

“Tale ulteriore proroga, peraltro con scadenza differita e motivazioni differenti da quella già concessa a due dipartimenti – spiega Dipasquale – ci dà la sicurezza che abbiamo intrapreso la strada giusta nel segnalare le irregolarità che si sono fatte e che si stavano continuando a fare sulla nomina dei dirigenti generali. Speriamo solo di non vedere in Assemblea Regionale Siciliana la presentazione di una leggina per promuovere in un sol colpo più di qualche dirigente o l’avvio di false selezioni interne dagli esiti già stabiliti”.

“Lungi da me muovere solo critiche – continua il parlamentare dem – ma dopo aver prodotto decine di provvedimenti per stabilizzare i dipendenti degli enti locali e nel settore della sanità, emerge sempre con maggiore forza la necessita di avviare un rinnovamento nella dirigenza regionale: vanno fatti nuovi concorsi! Gli ultimi risalgono ai primi anni ’90 e la burocrazia siciliana è la meno giovane d’Europa, con le conseguenze che si possono immaginare, soprattutto in negativo. I concorsi sono necessari e diamo per scontato che siano meritocratici… potrebbero e dovrebbero parteciparvi anche i dirigenti in atto in servizio, ed essere valutati al di là di un mero curriculum tout court “

“Musumeci faccia quello che fanno tutte le Regioni e anche lo Stato – aggiunge – dia nuova linfa, con gli strumenti di cui dispone, a questa macchina burocratica che egli stesso critica pesantemente; chiami e valuti sia all’esterno che all’interno le migliori professionalità, si apra al mondo che c’è fuori dai palazzi. Spezzi le catene che imprigionano la Regione alla burocrazia”.

“Musumeci, che è stato un amministratore di un ente locale – conclude l’on. Dipasquale – sa bene qual è il ruolo della dirigenza: o la si conosce e si governa o ne si è vittima insieme a tutti i siciliani. Si rispettino, attuandole e condividendone la ratio e i fondamentali principi, le leggi e tutto sarà più facile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *