Polemica sui Regionali, on. Dipasquale (PD): “Governo inconcludente, passo indietro unica possibilità di rilancio per la Sicilia”

Musumeci attacca i dipendenti regionali, Dipasquale (PD): “Strategia di Musumeci, fa lo scaricabarile”.
luglio 19, 2020
Il mio intervento di oggi all’Assemblea Regionale Siciliana sulla mozione di sfiducia a Musumeci.
luglio 22, 2020

“Leggere nella rassegna stampa quotidiana le invettive dell’assessore Grasso nei confronti dei sindacati, rei di essersi difesi dal volgare attacco del Presidente Musumeci, fa comprendere come questo Governo regionale non sia capace di comprendere la realtà. Un Governo inconcludente che sta bloccando il futuro di questa terra”. Lo dichiara l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico.
“L’assessore Grasso, in quasi tre anni, nulla ha detto per il personale, anzi – aggiunge Dipasquale – una sola cosa avrebbe dovuto fare e non c’è riuscita: i concorsi. La Regione non indice concorsi da circa 30anni. Oggi le condizioni ci sarebbero tutte, ma non si riescono a fare i concorsi, non si riesce a dare una speranza ai nostri giovani. Tant’è vero che l’Assessore Cordaro si è fatto autorizzare i concorsi per i forestali con una norma ad hoc e lo stesso sta facendo l’Assessorato ai Beni Culturali che, con un apposito provvedimento in V Commissione, si sta facendo autorizzare specifiche assunzioni. Ciò dovrebbe bastare a dimostrare l’inoperosità dell’assessorato retto da Grasso. Inoltre: il contratto collettivo è scaduto e niente è stato fatto; da tre anni si parla di riforma della burocrazia e, a oggi, nulla è stato presentato dal Governo in Assemblea; niente pure sulla digitalizzazione, infatti lo smart working è stato possibile solo grazie alle deroghe nazionali. Musumeci, comunque, se ne lamenta, ma dovrebbe essere l’assessore Grasso a spiegare al presidente che è colpa sua perché non è stato digitalizzato e informatizzato nulla, altrimenti lo smart working funzionerebbe bene. Le stabilizzazioni, inoltre, sono state possibili solo grazie alla legge Madia la quale, però, prevedeva che le stabilizzazioni andassero di pari passo a nuovi concorsi. Invece nulla, in Sicilia si è stabilizzato senza indire concorsi”.
“L’operato dell’assessore Grasso è sotto gli occhi di tutti – dichiara ancora Dipasquale – anche dello stesso presidente Musumeci che ha pensato di “commissiariarla” con il suo ex capo di gabinetto mettendolo lì come Dirigente Generale. La verità è che questo Governo regionale sta impedendo alla Sicilia, ai nostri giovani, di avere un futuro migliore. Se davvero avesse a cuore i nostri figli – conclude – valuterebbe l’opportunità di fare un passo indietro e dare alla Sicilia una nuova guida regionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *