Scoglitti, on. Dipasquale (PD): “Ambulanza medicalizzata al posto del PTE è passo indietro, ci raccorderemo con i cittadini per eventuali azioni”

PTE Scoglitti, on. Dipasquale (PD): “Sollecitiamo l’ass. Razza che ancora non ha dato risposte”
marzo 5, 2019
Ex Province, on. Dipasquale (PD): “Per salvarle servono risorse extra e nessuna disparità di trattamento”
marzo 16, 2019

“C’è da rimanere sbigottiti davanti al livello di sgarbo istituzionale di cui è capace l’assessore Razza: il 16 febbraio, davanti ai parlamentari regionali della provincia di Ragusa e a una delegazione dei cittadini di Scoglitti, ha preso l’impegno di analizzare per bene la questione del PTE e di comunicarci le risultanze il prima possibile. Non solo Razza non ci ha fatto sapere più nulla, non solo non ha risposto alla mia sollecitazione di pochi giorni fa, ma apprendiamo dalla stampa di una decisione, quella di procedere alla riduzione del PTE a Presidio di Primo Intervento con ambulanza medicalizzata, che rappresenta un vero e proprio passo indietro nella sanità della provincia di Ragusa”. Lo dichiara l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del PD, che aggiunge: “L’assessore alla Salute, inoltre, giustifica la propria decisione adducendo come ragione ‘limiti posti dalla normativa nazionale’, pur sapendo benissimo che ci sono delle realtà nelle quali i Presidi Territoriali di Emergenza sono rimasti pur servendo un’utenza da cifre parecchio inferiori a quelle di Scoglitti”.
“Prendiamo atto – continua Dipasquale – che l’azione del Governo Musumeci in ambito sanitario per la provincia di Ragusa tende a compiere passi indietro piuttosto che passi in avanti e, insieme ai residenti della frazione ipparina, valuteremo eventuali azioni di protesta”.
“Comprendo che questo Governo regionale ha difficoltà a rapportarsi con l’opposizione – conclude l’esponente del PD – ma siamo in democrazia e faremo capire a Musumeci e a Razza come mantenere rapporti rispettosi anche con i parlamentari di opposizione”.

Palermo, 7 marzo 2019
On. Nello Dipasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *